A causa delle resistenze agli antibiotici in Europa muoiono in un anno trentamila persone e, solo in Italia, i morti sono diecimila. È una vera e propria strage silenziosa, perché evidentemente nel nostro Paese non fa notizia, quella dei decessi causati da un uso eccessivo e inappropriato degli antibiotici, fenomeno che rappresenta oggi un’emergenza mondiale.

Mentre la maggior parte dei media italiani lancia l’allarme per otto casi di morbillo individuati a Bari e mette sotto accusa i genitori critici nei confronti dei vaccini, affermazione che l’ORDINE NAZIONALE DEI BIOLOGI etichetta come “PROCURATO ALLARME A MEZZO STAMPA”, un articolo pubblicato su The Lancet Infectious Diseases evidenzia come nonostante la presenza dei fenomeni di antibiotico resistenza vi sia in tutta Europa, nel nostro Paese si è verificato un terzo di tutti i decessi correlati all’antibiotico resistenza.

Secondo le indagini nel 2015, nei Paesi dell’Unione europea (Ue) e dello Spazio economico europeo (See) si siano verificati 671.689 casi di infezioni antibiotico-resistenti , a cui sono attribuibili 33.110 decessi e 874.541 DALYs (Disability Adjusted Life Years). Stime che corrispondono a un’incidenza di 131 casi di infezione antibiotico-resistente per 100 mila abitanti, a 6,44 decessi per 100 mila abitanti e a 170 DALYs per 100 mila abitanti.

Emerge inoltre che le infezioni resistenti agli antibiotici sono diffuse in tutte le fasce di popolazione, colpendo in particolare i bambini sotto l’anno mentre negli adulti il “peso” di questa situazione aumenta con l’avanzare dell’età suggerendo che l’invecchiamento della popolazione residente in Ue e See possa portare a un aumento del “peso” di queste patologie.

 

Fonti :    The Lancet Infectious Diseases – Published:November 05, 2018         

                 Informasalus.it,2018

L’ANTIBIOTICO RESISTENZA FA STRAGE : 10.000 MORTI ALL’ANNO IN ITALIA……….ma si parla solo di morbillo e vaccini

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *