Uso prolungato dei gastroprotettori PPI (inibitori di pompa protonica) e danni renali

L’uso a lungo termine di farmaci contro l’acidità gastrica può aumentare il rischio di danno renale. È quanto risulta da una ricerca condotta negli Stati Uniti e pubblicata sul “Journal of american society of nephrology”. In particolare i ricercatori –

ore 02.20……la neo Olimpionica scrive da Rio……che soddisfazione…..grazie Veronica

…………………una gioia grandissima……………..contribuire a far si che un’atleta conquisti la partecipazione ad un’Olimpiade…….condividerne momenti di difficoltà, preoccupazioni, ansie,  lavorare sulla motivazione e sulla determinazione a raggiungere l’obiettivo, concentrarsi sull’alimentazione, sulle rinunce, sulla gestione del peso, su ogni piccolo particolare…….ma poi

Olimpiadi Rio 2016 : Veronica Bertolini ci sarà !!!

Sacrifici, allenamenti estenuanti e mille rinunce…..questa la quotidianità di VERONICA  BERTOLINI, Campionessa Italiana in carica di Ginnastica Ritmica. Ieri giovedì 21 aprile durante il test event a Rio de Janeiro, ha superato le qualificazioni staccando un biglietto per i prossimi

Proposta inglese: sulle etichette dei cibi oltre alle calorie l’attività necessaria per smaltirle

Per aiutare le persone a modificare le proprie abitudini alimentari, sull’etichetta dei cibi oltre alle calorie dovrebbe essere riportata la quantità di esercizio fisico equivalente a smaltirle, è quanto propone sul British Medical Journal Shirley Cramer, direttrice della Royal Society

La parodontite è correlata a elevato rischio di primo infarto miocardico

Uno studio caso-controllo di grandi dimensioni ha mostrato che i pazienti che hanno avuto un primo infarto miocardico avevano una maggiore probabilità di soffrire di parodontite. Dallo studio PAROKRANK ( Periodontitis and Its Relation to Coronary Artery Disease ) il

Lactobacillus Paracasei CBA L74, alimento made in Italy, nuova arma contro le infezioni nei bambini

Un alimento in grado di stimolare il sistema immunitario e di contrastare raffreddori, tosse e mal di orecchie nei bambini piccolissimi. Ma anche di portare a una riduzione dell’uso di farmaci (in particolare antibiotici), che un bambino molto piccolo smaltisce tra i quattro