52096

Partendo dal presupposto che occorreranno ulteriori studi per determinare se questi farmaci siano effettivamente causa di danni renali, una recentissima pubblicazione di inizio 2016 su una delle riviste mediche internazionali più prstigiose,   JAMA Internal Medicine,  riporta che l’uso regolare dei farmaci antiacidi della classe degli inibitori della pompa protonica potrebbe essere correlato ad un aumento della malattia renale cronica.

 

Sarebbe pertanto importante considerare l’impiego appropriato di rimedi naturali in modo da ritardare o ridurre l’impiego di una classe farmacologica importante come i PPI.

Ad esempio, rimedi fitoterapici e/o di altra origine sempre e comunque naturale possono rivelarsi valide e preziose alternative per chi soffre di questo problema.
In uno studio prospettico che ha coinvolto più di 10.000 adulti seguiti per una mediana di 14 anni, l’impiego al basale di un inibitore della pompa protonica ( PPI ) è risultato associato in modo indipendente a un rischio superiore al 20-50% di malattia renale cronica.
In una coorte di replica, l’uso degli inibitori della pompa protonica era associato a un aumentato rischio di malattia renale cronica in tutte le analisi, e la somministrazione due volte al giorno era associata a un più alto rischio ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.46; IC 95% 1.28-1.67 ) rispetto a una dose unica giornaliera ( aHR=1.15; IC 95%, 1.09-1.21 ).
Il rischio è risultato specifico per i farmaci appartenenti alla classe degli inibitori della pompa protonica perché l’uso degli antagonisti dei recettori H2, che sono prescritti per la stessa indicazione, non erano associati in modo indipendente alla malattia renale cronica.
Gli inibitori della pompa protonica, introdotti circa vent’anni fa, sono tra i farmaci più prescritti.
L’uso degli inibitori della pompa protonica è risultato correlato a diversi eventi avversi, seppur con una incidenza non-comune, in una serie di studi osservazionali, tra cui la polmonite, l’infezione da Clostridium difficile, la nefrite interstiziale acuta, e il danno renale acuto.
I ricercatori hanno utilizzato i dati dello studio ARIC ( Atherosclerosis Risk in Communities ), sostenuto finanziariamente dai National Institutes of Health ( NIH ) degli Stati Uniti per esaminare l’associazione tra uso degli inibitori della pompa protonica e malattia renale cronica.
L’analisi ha riguardato 10.482 partecipanti allo studio con velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) di almeno 60 ml/min/1.73 m2 che sono stati seguiti dal 1996-1999 fino al 2011.
Il gruppo controllo era rappresentato da una coorte di 248.751 iscritti nel Geisinger Health System con simili valori di velocità di filtrazione glomerulare stimata.
L’età media della coorte ARIC era di 63 anni, e il 43.9% era di sesso maschile.
Nella coorte ARIC, l’impiego degli inibitori della pompa protonica è risultato associato a malattia renale cronica incidente in una analisi non-aggiustata ( hazard ratio, HR=1.45; IC 95%, 1.11-1.90 ) e in una analisi aggiustata per le variabili demografiche, socio-economiche, e cliniche ( HR=1.50; IC 95%, 1.14-1.96 ).
L’associazione si è mantenuta quando gli utilizzatori degli inibitori della pompa protonica sono stati confrontati direttamente con coloro che facevano uso di un antagonista del recettore H2 ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.39; IC 95%, 1.01-1.91 ).
Nella coorte Geisinger, l’impiego degli inibitori della pompa protonica è risultato associato a malattia renale cronica in tutte le analisi, con la somministrazioni due volte al giorno correlata a un rischio maggiore rispetto allo schema posologico di una volta al giorno.
È stato ipotizzato che l’eventuale impatto degli inibitori della pompa protonica sul danno renale acuto è mediato attraverso la nefrite interstiziale acuta.
Le ripetute lesioni acute potrebbero potenzialmente portare a danni renali cronici.
Secondo i ricercatori gli antiacidi appartenenti alla classe degli inibitori della pompa protonica dovrebbero essere prescritti con cautela ai pazienti ad alto rischio di malattie renali, così come altre condizioni che possono essere collegate a questi farmaci, come ipomagnesiemia, infezione da Clostridium difficile, e fratture osteoporotiche. ( Xagena2015 )
Risulta pertanto importante, a prescindere da tutto, valutare quali rimedi naturali possono essere i più appropriati a seconda dello stato e del grado del problema in modo da evitare effetti collaterali così importanti come quelli a livello renale, ottenendo nel contempo gli appropriati benefici. La Naturopatia offre in tal senso vantaggi concreti ed oggettivi.

 

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2016
Nefro2016 Gastro2016 Farma2016

Bruciore e mal di stomaco: aumento del rischio di malattia renale cronica dovuta all’uso continuativo dei farmaci PPI – inibitori di pompa protonica. Quali alternative naturali ?

Potrebbe anche interessarti